L’igienizzazione degli ambienti pubblici è oggi una questione di fondamentale importanza, soprattutto in termini di prevenzione della salute. A preoccupare sono soprattutto i luoghi frequentati da molte persone, come gli uffici aperti al pubblico, all’interno dei quali può verificarsi un consistente accumulo allergeni e anche di virus e batteri.

Per chi lavora dentro un’azienda è fondamentale che gli uffici siano puliti in maniera adeguata. Nel caso è possibile rivolgersi ad attività che offrono all’utenza interessata servizi di pulizie professionali che si svolgono mediante strumenti specifici e appositi, come la selezione di quelli presentati sul sito www.puliveneta.com.

L’impeccabile pulizia di ogni ambiente di lavoro, quindi, è importante non solo per regalare la migliore immagine dell’azienda in termini di professionalità; ma anche per il comfort di dipendenti e visitatori. Ecco qualche consiglio utile per organizzare al meglio il lavoro di pulizia da far effettuare periodicamente.

Operazioni di base

Per quanto riguarda i luoghi dove si svolge un lavoro amministrativo come gli uffici, le pulizie devono avvenire giornalmente, una volta alla settimana o una volta al mese a seconda del compito. La pulizia quotidiana prevede il minuzioso controllo dell’ambiente, l’individuazione di cartacce da buttare e di rifiuti da eliminare, la pulizia con un aspirapolvere a zaino. Le macchie vengono eliminate con strumenti professionali a vapore.

La pulizia settimanale prevede lo spolvero di schedari, di arredi e di superfici adiacenti insieme allo svuotamento di cesti della spazzatura e al cambio dei sacchi dell’immondizia. Il pavimento viene spazzato e lavato.

La pulizia effettuata invece una volta ogni mese, prevede il lavaggio dei vetri delle finestre o dei corpi finestrati insieme allo spolvero di tavoli e sedie. E’ prevista inoltre la cura specifica degli accessori che si trovano nei bagni aziendali; esattamente come nelle abitazioni privare, è il locale più importante in termini di igiene. In particolare vengono puliti i dispenser e i pavimenti..

Il trattamento dei bagni

La pulizia professionale degli uffici comprende certamente anche la cura dei locali dei servizi igienici. I bagni sono senza dubbio punti chiave della proliferazione di germi, in quanto servizi ad uso pubblico cioè frequentati da persone diverse, dipendenti e non. Queste aree sono di particolare complessità poiché ad esse hanno libero accesso individui che non sempre hanno abitudini igieniche esemplari.

La pulizia dei bagni degli uffici si concentra nello specifico su zone critiche centrali a riguardo dell’accumulo di sporcizia e del pericolo di agglomerati batterici. Punti peggiori sono le maniglie interne delle porte di servizio, quelle esterne e i pomelli dei rubinetti. Si tratta di oggetti che ogni giorno vengono toccati da molte persone e che proprio per questo motivo diventano focolai di germi. Altri punti di criticità sono quegli spazi che si ritrovano tra  i sanitari e il tasto utile ad azionare lo scarico del gabinetto.

La pulizia adeguata dei servizi igienici dei luoghi di frequentazione pubblica, si rivela dunque auspicabile per evitare il rischio di focolai batterici ma anche per fornire alle persone che lavorano e agli avventori una struttura igienica adeguata.

Su questo sito utilizziamo i cookie per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche anonime (cookie statistici) e per mostrare opportunamente servizi/prodotti (cookie di profilazione). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie Policy